Univideo U
Agenzia A
news

LA POSIZIONE DI UNIVIDEO IN MERITO ALLE RECENTI DICHIARAZIONI DEL MINISTRO DARIO FRAN

01/04/2022



Milano, 1 aprile 2022 – Univideo, l’associazione che rappresenta gli editori audiovisivi italiani, esprime il proprio scetticismo rispetto alle recenti dichiarazioni rilasciate pubblicamente dal Ministro della Cultura, Dario Franceschini, attinenti la decisione di estendere a tutti i film di produzione italiana finanziati, una finestra di 3 mesi prima che questi possano essere resi disponibili attraverso l’interna filiera di sfruttamento, ovvero supporti fisici e piattaforme digitali.

Viene altresì espressa preoccupazione e contrarietà, prosegue la nota dell’associazione, rispetto all’ipotesi paventata dal Ministro di estendere tale provvedimento, considerando sia le produzioni finanziate sia quelle autoprodotte, anche a tutti i tipi di film, italiani e non, ispirandosi al modello adottato in Francia. Comprensibile il supporto alle sale cinematografiche visto il difficile momento che stanno vivendo, ma non è certamente imponendo delle rigide finestre temporali che si genera respiro al settore del cinema.

Servono scelte politiche coraggiose, che invoglino le persone a tornare in modo abituale nelle sale cinematografiche; servono aiuti concreti e immediati all’industria culturale tutta, incluso il comparto audiovisivo; serve comprendere che oggi non esiste una sola modalità di fruizione dei contenuti, si deve incentivare l’integrazione tra modelli di visione diversi, che non si elidano a vicenda, ma al contrario si completino, generando valore reale e diffuso per tutto il comparto.

“Rimaniamo piuttosto scettici rispetto alla decisione comunicata pubblicamente dal Ministro Franceschini di tutelare le sale cinematografiche imponendo una finestra di 90 giorni prima che le opere italiane possano essere messe a disposizione anche sull’intera filiera di sfruttamento, fisica e digitale. Il nostro scetticismo si trasforma in preoccupazione e contrarierà rispetto alla volontà di Franceschini di estendere tale provvedimento anche alle produzioni, finanziate e non, non italiane. Non è certamente estendendo una limitazione che si favorisce il ritorno abituale delle persone nelle sale cinematografiche. Nei prossimi giorni chiederemo un incontro urgente con il Ministro per un confronto e per discutere insieme di proposte utili a preservare tutti i principali attori dell’industria audiovisiva, che rappresenta per il nostro Paese un pezzo importante di storia e di economia” ha dichiarato Pierluigi Bernasconi, Presidente di Univideo.

altre notizie e comunicati

CINEMA E HOME VIDEO, PIU’ FORTI SE UNITI

Univideo, l’associazione italiana del settore Home Video Entertainment, plaude alle prime iniziative a sostegno delle sale cinematografiche espresse dal neo ministro del MIC, Gennaro Sangiuliano,...
04/11/2022

CINEMA E AUDIOVISIVO DEVONO ESSERE ALLEATI, NON AVVERSARI

L’indagine SWG presentata in occasione del Festival del Cinema di Venezia per conto del MIC sulle motivazioni di disaffezione del pubblico italiano verso le sale cinematografiche ha confermato q...
13/09/2022

SOSTEGNO DOVEROSO DELLE SALE CINEMATOGRAFICHE

BERNASCONI (UNIVIDEO): IL SOSTEGNO, DOVEROSO, DELLE SALE CINEMATOGRAFICHE NON PUO’ PENALIZZARE LA FILIERA AUDIOVISIVA. SERVONO AZIONI PROATTIVE E NON SOLO REATTIVE Milano, 07 luglio 2022 - I...
07/07/2022

AUDIOVISIVO E CINEMA SETTORI FORTEMENTE CONNESSI, FOCALIZZATI SUL CONSUMATORE E SULLE SUE ESIGENZE

Roma, 6 Giugno 2022 – Pierluigi Bernasconi, Presidente di Univideo, l’associazione italiana che rappresenta gli editori audiovisivi, a margine di una conferenza stampa tenutasi questa mattina ...
06/06/2022

Importante studiare il pubblico cinematografico e audiovisivo italiano

UNIVIDEO: IMPORTANTE STUDIARE IN MODO APPROFONDITO IL PUBBLICO CINEMATOGRAFICO E AUDIOVISIVO ITALIANO PER FINALIZZARE IN MODO EFFICACE LE POLITICHE PUBBLICHE A SOSTEGNO DEL SETTORE Roma, 16 Ma...
16/05/2022

I 10 ANNI DI “RISPETTIAMO LA CREATIVITÀ”

Presentati a Cinecittà i numeri e i risultati della campagna educativa promossa da AFI, FAPAV, MPA, NUOVOIMAIE, SIAE e UNIVIDEO che ha coinvolto in 10 anni oltre 160.000 giovani studenti Ro...
11/05/2022

IL MERCATO AUDIOVISIVO ITALIANO IN RIPRESA DA MASS MARKET A PREMIUM

Secondo il Rapporto Univideo 2022 presentato questa mattina da GfK Italia, il mercato audiovisivo italiano è in fase evolutiva, con segnali di ripresa registrati nella seconda parte dell’anno. ...
03/05/2022

Home Entertainment Multichannel Evolution - Il futuro tra fisico e digitale

3 Maggio 2022 ore 11:00 Via Tuscolana 1055 - Roma UNIVIDEO in partnership con la società di ricerca di mercato GfK Italia S.r.l. presenta i dati del Rapporto Univideo 2022 sullo stato d...
28/04/2022

PROPOSTA DI REGOLAMENTO SUI SERVIZI DIGITALI: l'Europa nelle mani dei giganti digitali

L'Univideo, insieme alle altre associazioni culturali e creative italiane, ha firmato una lettera al governo - qui di seguito riportata - sul Regolamento sui servizi digitali (DSA) in vista delle...
16/03/2022

UNIVIDEO: FONDAMENTALE CHE IL MINISTRO FRANCESCHINI VOGLIA IMPEGNARSI PER ABBASSARE L’IVA DI TUTTI

Milano, 10 Febbraio 2022 – Nella giornata di ieri il Ministro Franceschini, in audizione davanti alla commissione Cultura della Camera, ha ribadito in modo risoluto il suo impegno nel cercare di ...
10/02/2022

? Riveda scelte sui cookie